dopo lo scatto

PostProduzione.

Quello che viene dopo non è meno importante di quello che è già stato. Fa tutto parte di un grande flusso, di un grande progetto: fotografare è come disegnare senza carta.

Trovare il feeling giusto.

Fotografare in digitale impone un passaggio successivo allo scatto attraverso software digitali in grado di traghettare l’immagine dal file originale alla carta stampata. Esattamente come in camera oscura, con moderne camere bianche abbiamo solo modificato gli strumenti di questo processo post-scatto che non ha mai cessato di esistere. Si parla di sviluppo di un negativo digitale: deve maturare, arricchirsi, essere smussato ed infine perfezionato.

Entrare in simbiosi col processo.

La disciplina fotografica impone molti accorgimenti in fase di scatto, ciò che esiste prima si chiama idea, ciò che viene dopo è lo sviluppo di quest’ultima in funzione di chi godrà dell’immagine.

Input

Produciamo un quantitativo elevato di negativi digitali. Questa grande mole di dati va organizzata, immagazzinata, selezionata e soprattutto custodita. Successivamente deve essere elaborata e ordinatamente classificata. Passo dopo passo impareremo a pensare da artigiani della fotografia.

Processo

L’editing di una fotografia è una manipolazione digitale che può insistere su più livelli di approccio, con quantitativi di interventi molto variabili. Il complesso mondo che ruota attorno al concetto di postproduzione si ancora sulla necessità di una fotografia di trasformarsi da negativo a positivo.

Output

L’elaborazione di un’immagine è la fase intermedia tra lo scatto e la stampa. Senza il contatto con un supporto fisico non potremo godere del risultato completo, non avremo tra le mani l’opera. Imparare a gestire la fase di stampa significa controllare per intero il processo del fare fotografia.

dettagli

Tecniche avanzate.

In postproduzione impareremo a correggere sbavature udi ripresa dovute a molti fattori come distrazione, velocità di operazione o difficoltà esterne. Ma soprattutto aumenteremo le competenze digitali.

tecnologia

Grafica.

Sconfinare nell’illustrazione e nella pura grafica è un passaggio da sperimentare: la fotografia come strumento di comunicazione pure, come fosse una matita o un pennello. L’immagine è un contenitore di informazioni.

Linguaggio.

Fotografia liquida intende valorizzare non soltanto l’opera fotografica, ma anche gli scenari digitali che da essa possono derivare o confluire. Fotografia e arte digitale possono coesistere a condizione che si possegga la mentalità incline alla contaminazione ideologica. Usare tutti i mezzi a disposizione per comunicare la propria idea, in modo trasversale tra scatti, disegni e manipolazioni.

Modello divulgativo

Fotografia Liquida


Il metodo di lavoro e di condivisione delle esperienze che proponiamo è orizzontale, non gerarchico come solitamente avviene in seminari specifici di questo tipo. Non ci interessa indottrinare, vogliamo coinvolgere! La sfida che vogliamo intraprendere è quella di seguire i partecipanti nel corso della loro esperienza in questo settore fotografico, adoperandoci per fornire competenze trasversali in grado di alimentare la cultura fotografica di ognuno.

Skills

Attraverso incontri singoli o di gruppo si tenderà a comporre un piano evolutivo personalizzato sulla base delle proprie abilità pregresse e delle finalità.

Condividere

La materia è vasta, è importante condividere i propri lavori col gruppo e trascorrere del tempo a revisionare i propri processi di sviluppo del negativo digitale.

EFC / Esperienze di Fotografia Condivisa

Le attività di Fotografia Liquida sono da considerare delle Esperienze di Fotografia Condivisa: l’innovazione sociale sta trasformando i modi e i tempi di trasmissione di cultura e tecnica fotografica. Crediamo che l’immersione nei contenuti – fianco a fianco – sia un canale di apprendimento veloce e solido nel quale unire competenza e divertimento.

Senza divertimento non c’è amore.
Senza amore nulla ha senso.

Chi siamo

A+A

Photography-addicted da sempre, lavoriamo con le immagini, con la grafica, col web, spaziando dall’analogico al digitale: la comunicazione visiva è sempre al centro del nostro lavoro.

Alessandro Russo

Founder

Architetto e fotografo, celebra la comunicazione visiva come il grande strumento che le persone hanno per provare empatia.

Alessandro Marangon

Founder

Formazione da grafico illustratore, si dirige verso la fotografia per costruire una più completa ed ampia espressione stilistica.

Contattaci

Per ulteriori informazioni su date e costi del prossimo WorkShop Architettura, oppure per entrare in contatto con noi e approfondire le nostre attività!